logo Subsonica
SUBSONICA 23/02/16 20:24

Ecco come è andata veramente

Viaggio in contromano nelle praterie della comunicazione 2.0

Può capitare, nel vorticoso mondo delle relazioni web, di trovarsi costretti ad un giro in contromano. Il tweet sfuggito male, il commento a caldo, le frasi in grado di scatenare su internet lapidazioni digitali che se pronunciate di fronte ad una platea in carne ed ossa non sarebbero mai fraintese.

Un giro in contromano è capitato di recente anche a noi. Può essere un'esperienza piuttosto sgradevole ma, come tutte le vere esperienze, aiuta ad osservare con attenzione le cose.

A noi è andata così.

Un nostro post, entusiasta e divertito, invitava il pubblico del facebook subsonico a condividere la sorpresa contenuta nei primi minuti dell'ultimo attesissimo film di Tarantino: quattro note musicali simili all'attacco di “Tutti i miei sbagli".

Non una citazione, non un plagio ma una "felice coincidenza", come il post letteralmente chiosava.

e comunque le prime quattro note orchestrali della colonna sonora (meravigliosa) di Hateful Eight di...

Pubblicato da Subsonica su Lunedì 8 febbraio 2016

Il tutto abbinato in contemporanea ad un altro post sulla pagina personale:

«Ma le prime 4 note della (bellissima) colonna sonora di "Hateful Eight", che sono le prime 4 note orchestrali di Tutti i miei sbagli? Troppo ridere.
PS Morricone non ha nessun bisogno di citare chicchesia, tantomeno i Subsonica, sia detto per scongiurare qualsivoglia equivoco. Semplicemente, succede».

Messaggi dal consueto tono informale, difficilmente equivocabili, che non sono mai stati rimossi o modificati.

Il caso.

Nella prateria della comunicazione 2.0 esistono leggi, ma per qualcuno è più comodo ignorarle. Non trovi molti sceriffi in giro che si prendano la briga di farle rispettare. E i giornalisti sono spesso accomunati dall'abitudine, ormai consolidata, di fiutare le notizie sullo schermo del computer e dalla passione per i grandi terreni di caccia: i social network.

Può capitare, dopo aver aggiornato i profili "social" della band, che il tuo post incominci ad odorare di "preda". In quel caso, il primo incontro che rischi di fare è quello con "il raddrizzatore". Un pistolero ossessionato dal mantra: «questa notizia è troppo bella per rovinarla con la verità».

A noi è andata particolarmente male, perché il nostro “raddrizzatore” non solo ha falciato via il "#felicicoincidenze" (macchia di verità superflua che adombrava una più esaltante allusione al plagio). Ha deciso di aggiungere del suo. Doveva avere letto qualcosa riguardo ad alcuni brani della colonna sonora scritti in precedenza per Carpenter nell'82. Ma anziché perdere tempo e indagare più a fondo, ha immediatamente premuto il grilletto dello scoop: «Subsonica: plagio di Morricone? Ma la colonna sonora di Tarantino è del 1982»

Ci è bastata una semplice verifica sulla pagina wiki in lingua inglese di “Hateful Eight (soundtrack)" per capire che un gigantesco equivoco a forma di roccia si stava staccando dalla montagna: il brano, che pur non conteneva nessuna lontana forma di plagio, non risultava affatto tra quelli datati 1982.

Ma ormai era tardi.

Quando tutto parte i primi ad arrivare, in forma di sciame, sono sempre gli haters. Puntano le frecce avvelenate dritte sulle bacheche e scoccano insulti violenti. Provocano e cercano una reazione. In loro prevale l'istinto sadico, lo scopo è quello di vederti vacillare, chiedere scusa. In pratica osservarti soffrire. Non sono pericolosi. Lo scalpo che cercano è una correzione del post, il trofeo più ambito è la rimozione della pagina. Se li lasci scornare per un po' con l'esercito regolare dei tuoi followers, se non hai nulla da nascondere e non mostri segni di cedevolezza, se ne vanno con la stessa rapidità prima del tramonto.

Poi però, a quanto pare, arrivano le carovane di uno più tosto: "l'infido" Quello che per un pugno di click è disposto a virgolettare parole mai pensate, mai dette e soprattutto mai scritte (!). E qui incominci a comprendere la natura selvaggia e sregolata del luogo in cui ti trovi. Il suo Capolavoro di mistificazione è: «Subsonica su Facebook: "Ennio Morricone ha copiato da noi per la colonna sonora di The Hateful Eight»

Il nostro "infido" ha già costruito un "ring", inesistente nella realtà, ma fondamentale per lo spettacolo. Ed è purtroppo anche riuscito a scomodare il presunto avversario.

A Ennio Morricone viene recapitata la notizia (fasulla, è bene ricordarlo sempre), che una non meglio precisata band italiana lo starebbe accusando di plagio. Il momento, oltretutto, è piuttosto delicato: il Maestro è in lizza per l'Oscar. Di qui la sua comprensibile reazione:

«ANSA: Morricone querela i Subsonica per accusa di plagio».

A quel punto incominci a benedire la fermezza del non avere mai eliminato i post originali dalla pagina (se non avete nulla di cui vergognarvi, non fatelo mai). Che vengono immediatamente sottoposti agli avvocati. E che con effetto immediato chiudono il capitolo querela, declassando tutta la vicenda a «una tale sciocchezza!».

Però nel frattempo la notizia è in circolo e già si sente rumore di caps lock. Sta per fare il suo ingresso "il cattivo". Le cose non si fermeranno così facilmente nella prateria. 

«FIGURA DI MERDA SUBSONICA ‐ ACCUSANO IL GRANDE MORRICONE DI AVER COPIATO QUATTRO NOTE DELLE LORO CANZONETTE. PECCATO CHE LUI IL PEZZO LO HA SCRITTO NEL 1982! 'MO GLI FA CAUSA E HA PERFETTAMENTE RAGIONE»

Et voilà: tre notizie false in tre righe. Nel mondo reale basterebbe evidenziarlo per strappare a tutti una sonora risata. Ma qui siamo nel grande west, e la tua carrozza viaggia in contromano, non ricordi?  E fuori, nel frattempo, si è già scatenato l'inferno. La vicenda attira proprio tutti. Nel saloon ci prepariamo ad incontrare altre figure. Come "l’enigmista" che trasforma senza scrupoli il nostro hashtag (non tweet) #felicicoincidenze in un più ambiguo e allusivo #felicicoincidenze?

Partono le notizie sui quotidiani, quelli di carta, che però riportano i rumors del web. Siamo al paradosso, il tam-tam impazzisce. Arrivano i carri dei ritardatari attirati dal profumo di facili click. Moltiplicano i titoli inesatti e le dichiarazioni inventate.

Verrebbe voglia di controbattere colpo su colpo, ma sarebbe una pessima idea.

Inoltre ti guardi allo specchio e non hai proprio l'aspetto di un salmone desideroso di risalire quella corrente in questo momento.

Hai solo voglia di uscire dalla distorsione collettiva.

E per rincuorarti, per ritrovare confidenza con le cose reali, incominci ad analizzare alcuni aspetti. I giornalisti veri si sono tenuti alla larga da tutto questo.
I più importanti portali dei nativi digitali, quelli che avrebbero dovuto più legittimamente commentare una notizia del genere, non lo hanno fatto. Perché quella notizia non c'era.
Le più popolari pagine satiriche del Web si sono rifiutate di entrare, come avrebbero facilmente potuto, nella bagarre.
Da alcuni di loro riceviamo significativi messaggi di solidarietà. Quelli che intervengono lo fanno con molto equilibrio. Tutti capiscono cosa sta succedendo.
E alla fine appare evidente che la prateria 2.0 sia divisa tra due mentalità generazionali.

La prima è quella che ricostruisce nel web la struttura dell'informazione tradizionale, tende a prediligere le quantità, le necessarie relazioni di potere e presenta affinità con la cultura televisiva. Nelle sue peggiori espressioni dimostra di avere più interesse al controllo della manopola del volume che non al racconto della verità. Il volume è la verità.
La seconda, che appare più sensibile alla qualità, alla cura, al dettaglio, tenta di ritagliare un proprio spazio di credibilità affermando queste caratteristiche. Dimostrando di non trascurare con troppa leggerezza l'etica.
Dopo una vicenda del genere fa bene pensare che quello potrebbe essere il futuro del web nei prossimi anni.

Dopo una vicenda così torni a casa intuendo che lo sguardo della portinaia domanda silenziosamente se stia per arrivare l'avvocato di Morricone a pignorarti i mobili. E incominci a fare l'unica cosa che ha senso fare.

La racconti.


COMMENTI

Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

aitaK 07/03/16 17:24

Non mi sono mai fidata dei giornalisti.
Ho letto il post "incriminato" due minuti dopo la pubblicazione di Max. Ho sorriso, si capiva fosse una beffa, una presa in giro.
Lo abbiamo capito tutti, ma coloro che sulla carta d'identità hanno scritto "giornalista" sotto la voce "professione", no. Non sapendo bene cosa scrivere, cosa proporre per il loro trafiletto quotidiano, hanno montato su sta farsa.
Mi hanno dato conferma che i veri Giornalisti ne esistono ben pochi.

Lunga vita all'ironia. Al sarcascmo. Ai miei 5 giovanotti torinesi che da 20 anni mi fanno provare un emozione nuova.
E a Samuel, visto il giorno dedicato al suo anno in più.


Dclaudia 07/03/16 10:27

Auguri Samuel.
Tornate presto sul palco. Vi aspettiamo. Claudia


Taniga 07/03/16 09:20

.....E TANTI AUGURI A TEEEEEE!!!!!AUGURI SAMUEL!!!!!!


alohaaaa 03/03/16 12:27

Ciao ... beh che dire ... Ave o' subsonici.

Ci sono anfratti di "Stocazzo's" di web che olezzano di viscida pornospazzatura.
Le anime nere virtuali sono in agguato, si incendiano di passione e Cointreau solo per voi, per un'ora d'amore.
Vi amano al punto, con tale trasporto e cotanto desiderio che sarebbero disposte anche ad odiarvi per il resto della loro vita o dei loro bit.
(Bit but not beat ... oh mercy me)

Porca troia, il pubico mi si sta fottendo di brutto il pubblico e abracadabra (catch me if you can)
non siete artisti col groove e i controcazzi da cantina garages centro sociale con la Tele del '78 e M.Davis nelle cuffie in aereo,
ma ratti bagnati che scappano dalla disinfestazione,
presunti colpevoli per aver sputato palline di carta bagnate di saliva in testa al maestro in classe davanti a tutti.

Ocio boys che la rete annusa lecca strappa mastica e fagocita ogni cosa,
anche se è insipida, anche se non ha fame e ha l'hard-disk pieno, anche se si è svegliata con l'ottimismo nei cavi.
Basta che ti fai vedere anche per sbaglio col cazzo fuori dai pantaloni a pisciare (che non ci stavi più dentro) vicino al cancello di casa WEB civico 2.0, che ti denunciano processano condannano assolvono per direttissima, tutto in 100 parole.

E' un grande tritacarne alimentato a parole e immagini che trasforma tutto in spazzatura,
incontrollabile come il Fhurer, implacambile come Mad Max e non ha filtri e non fa distinzioni, se maggna tutto anche masterchef intero.

Io comunque sto con voi e grido "Plagio", il maestro ci ha plagiato i maroni ...
non ci rappresenta più questa musica main stream atta solo a creare denaro in tutte le sue forme e manifestazioni (incluso anche l'occultismo dei legali del foro).
Mi spiace ragazzi ma quest'anno non sarete invitati al Morricone & friends.
Lo show businness ha rotto il cazzo con sti grandi vecchi che sono indotti a cercare sempre di essere attuali con roba di 30 anni fa.
Bowie andrebbe studiato a scuola nell'ora di musica.
La mia chitarra e il mio mic sanguinano ogni volta stracazzo di volta che accendo la TV e c'è musica main stream.
Allora accendo lo stereo e godo con mio figlio (4 mesi e beato te che non capisci un cazzo) con gli tsunami riff di hendrix etc.

Talent solo talent e fenomeni di baraccone e rapper idioti,
mentre i miei cazzo di riff mi rimangono attaccati alle dita come grasso di un motore vintage
che non tiene queste strade che non si lasciano nemmeno ricordare.

La melodia atomica della mia voce si fa fioca e tenue, dal timbro sbiadito; è una candela dimenticata in fondo alla galleria di una miniera.

Poi talent non sta pure bene neanche in un testo decente, neanche gli zeppelin l'avrebbero usata, forse "Babetalentohohoh" sì ora che ci penso.

Avesse le palle Tarantino di far scrivere la colonna sonora di un suo film ai Subsonica come David Fincher ha fatto con Trent Reznor in The social Network!
Quella è avanguardia, aprire la strada ... non paraculeggiare cercando dove si è sicuri di trovare senza neanche alzarsi dal divano.

Scusate dove mandano i concerti degli At the drive in? Il festival punk "Teste vuote ossa rotte"?
Dove vedo un pò di jam session di max casacci e madasky e cerco di capire come nasce un pezzo DUB?

Dove sono ... e che cazzo di musicista sono diventato?
I don't belong this years ... i belong to my world.

Welcome to 5 minutes of my brain.

Gudbai Subsonici


alohaaaa 03/03/16 12:20

Ciao ... beh che dire ... Ave o' subsonici.

Ci sono anfratti di "Stocazzo's" di web che olezzano di viscida pornospazzatura.
Le anime nere virtuali sono in agguato, si incendiano di passione e Cointreau solo per voi, per un'ora d'amore.
Vi amano al punto, con tale trasporto e cotanto desiderio che sarebbero disposte anche ad odiarvi per il resto della loro vita o dei loro bit.
(Bit but not beat ... oh mercy me)

Porca troia, il pubico mi si sta fottendo di brutto il pubblico e abracadabra (catch me if you can)
non siete artisti col groove e i controcazzi da cantina garages centro sociale con la Tele del '78 e M.Davis nelle cuffie in aereo,
ma ratti bagnati che scappano dalla disinfestazione,
presunti colpevoli per aver sputato palline di carta bagnate di saliva in testa al maestro in classe davanti a tutti.

Ocio boys che la rete annusa lecca strappa mastica e fagocita ogni cosa,
anche se è insipida, anche se non ha fame e ha l'hard-disk pieno, anche se si è svegliata con l'ottimismo nei cavi.
Basta che ti fai vedere anche per sbaglio col cazzo fuori dai pantaloni a pisciare (che non ci stavi più dentro) vicino al cancello di casa WEB civico 2.0, che ti denunciano processano condannano assolvono per direttissima, tutto in 100 parole.

E' un grande tritacarne alimentato a parole e immagini che trasforma tutto in spazzatura,
incontrollabile come il Fhurer, implacambile come Mad Max e non ha filtri e non fa distinzioni, se maggna tutto anche masterchef intero.

Io comunque sto con voi e grido "Plagio", il maestro ci ha plagiato i maroni ...
non ci rappresenta più questa musica main stream atta solo a creare denaro in tutte le sue forme e manifestazioni (incluso anche l'occultismo dei legali del foro).
Mi spiace ragazzi ma quest'anno non sarete invitati al Morricone & friends.
Lo show businness ha rotto il cazzo con sti grandi vecchi che sono indotti a cercare sempre di essere attuali con roba di 30 anni fa.
Bowie andrebbe studiato a scuola nell'ora di musica.
La mia chitarra e il mio mic sanguinano ogni volta stracazzo di volta che accendo la TV e c'è musica main stream.
Allora accendo lo stereo e godo con mio figlio (4 mesi e beato te che non capisci un cazzo) con gli tsunami riff di hendrix etc.

Talent solo talent e fenomeni di baraccone e rapper idioti,
mentre i miei cazzo di riff mi rimangono attaccati alle dita come grasso di un motore vintage
che non tiene queste strade che non si lasciano nemmeno ricordare.

La melodia atomica della mia voce si fa fioca e tenue, dal timbro sbiadito; è una candela dimenticata in fondo alla galleria di una miniera.

Poi talent non sta pure bene neanche in un testo decente, neanche gli zeppelin l'avrebbero usata, forse "Babetalentohohoh" sì ora che ci penso.

Avesse le palle Tarantino di far scrivere la colonna sonora di un suo film ai Subsonica come David Fincher ha fatto con Trent Reznor in The social Network!
Quella è avanguardia, aprire la strada ... non paraculeggiare cercando dove si è sicuri di trovare senza neanche alzarsi dal divano.

Scusate dove mandano i concerti degli At the drive in? Il festival punk "Teste vuote ossa rotte"?
Dove vedo un pò di jam session di max casacci e madasky e cerco di capire come nasce un pezzo DUB?

Dove sono ... e che cazzo di musicista sono diventato?
I don't belong this years ... i belong to my world.

Welcome to 5 minutes of my brain.

Gudbai Subsonici


AleCosma 28/02/16 12:11

SESTRI LEVANTE: ragazzi...regalateci un concerto estivo alla "baia del silenzio" di sestri...sarebbe una cornice perfetta subsonica! quanta pioggia quanto caldo quanto umido al MEP!!!


Dclaudia 24/02/16 09:51

Ben trovati ragazzi, ho atteso questo momento e finalmente è arrivato ....
Max, tanti auguri per il tuo piede.
Ci vediamo domenica a Nonantola, claudia


Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it