logo Subsonica
Risultati per '1-2011'
SUBSONICA 29/01/11 13:34

bastardi!

tenendo d'occhio le edicole dicevamo, ci si imbatterà presto nel numero di XL. In allegato ci sarà un cd con un personaggio in copertina che alcuni di voi riconosceranno nonostante la maschera. Dentro il cd alcune sorprese (mò non stiano a svelare tutto proprio tutto tutto) tra le quali una versione di "Benzina Ogoshi", con il testo scritto a duecento mani...cioè insieme a voi...tramite il sito..do you remember? Quando ci avete regalato i vostri "non ci sei riuscito...". Benzina sarà presente sull'album con un mix piuttosto diverso da quello di XL, ma per intanto:

BENZINA OGOSHI
Benzina Ogoshi
Benzina Ogoshi

Non sei riuscito a concludere nulla...
non sei riuscito a farti rispettare.....
non sei riuscito a non fare cazzate
non ci sei riuscito................................

non sei mai riuscito a cambiare...
non sei riuscito a non vomitare....
non sei riuscito perché non ti applichi....
non sei riuscito a finire gli studi.........
non sei riuscito a diventare qualcuno
non ci sei........riuscito

NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
BASTARDI

Benzina Ogoshi
Benzina Ogoshi

non sei riuscito a cogliere l'occasione...
non sei riuscito a svoltare.......
non sei riuscito farmi stare meglio....
non ci sei riuscito
Non sei riuscito a fare come tutti gli altri.....

non sei riuscito ad essere puntuale.....
non sei riuscito a darci un taglio..
non sei riuscito a farmi venire.....
non ci sei riuscito

bastardo!

NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE
NON SIETE RIUSCITI A BISSARE MICROCHIP EMOZIONALE

BASTARDI!


SUBSONICA 28/01/11 09:14

istrice

Istrice è il nuovo singolo dell'album che uscirà l'8 marzo e si chiamerà EDEN.


SUBSONICA 27/01/11 16:44

istrice - comunicato stampa

Sarà in rotazione radiofonica e disponibile sugli store digitali da domani, Istrice, il primo singolo dei SUBSONICA che anticipa ufficialmente l’uscita del nuovo album della band, Eden, prevista per l’8 marzo.

Dopo l’esperimento web del brano Eden (canzone che la band ha voluto far circolare attraverso la rete come piccolo assaggio di questo atteso ritorno), Istrice apre le porte al nuovo lavoro di inediti dei Subsonica che hanno voluto dedicare questo primo brano alla loro città e alle loro radici, una città che li ha visti nascere e trasformarsi da gruppo di Piazza Vittorio a trascinatori di folle da concerti in tutta Italia e non solo.
I Subsonica tornano con un brano diverso, più semplice e più diretto, soprattutto nel testo: parla di Torino e di una storia d’amore usando parole essenziali e chiare.
Lo scenario sono i lampioni e i portici che corrono fino al fiume ed i protagonisti sono persone dal carattere ispido che alla manifestazione lineare dei propri sentimenti prediligono la tortuosità delle sfide.
“Perché le storie come noi le conosciamo sono spesso ruvide gare ad ostacoli.” spiega la band “Ma è forse Torino stessa a essere una città sfuggente, dall’umore selvatico, che tende a nascondere il proprio cuore in mezzo al traffico di anime.”
Istrice è un funk nebbioso, tra tastierine da cameretta, chitarre newyorkesi e orchestrazioni da colonna sonora.
Una curiosità: il fruscio che si sente in sottofondo è lo scorrere del Po registrato dalla riva dei Murazzi e successivamente compresso a tempo sulla base.


SUBSONICA 26/01/11 22:10

rutto libero

Un po' di robe: innanzitutto ciao. E poi scusa, ma siamo stati presi in contropiede da un brano partito in radio prima di poterlo raccontare e comunicare. Ma "è andata così". E più in giù ci mettiamo una pezza.
Partiamo dal tema del giorno: rutto libero, ovvero come ribadire che questo è un libero spazio all'interno del quale liberamente ci si confronta, si saturano i toni si scagliano anatemi in libertà. C'è insomma come sempre uno spirito, una curiosità e una tolleranza che vi invitiamo a confrontare con quella di qualsivoglia artista. Forse ci stiamo ripetendo, ma ogni tanto un ribadino ci sta tutto.
Quindi per coloro che invece passano di qua per sfogare proprie delusioni di carattere artistico, umano, relazionale, come se stessero passando di fronte al bersaglio delle freccette da pub, solo per scaraventare frasi offensive ad effetto -giusto per vedere che effetto fa e passare un po' il tempo ribattendo col rosario dei luoghi comuni su quanto il sito pulluli di decerebrate menti levigate e supine disposte ad accettare ogni supplizio e ogni rantolo commerciale e bla e bla- ecco, non è detto che a questo giro non scatti una bella bannata a beneficio di tutti. Soprattutto se i soggetti dimostrano di non capire un cazzo di musica . Perché purtroppo in troppi casi così è. (con ciò ci riferiamo unicamente agli pseudo musicofili che fanno pesare una presunta conoscenza della materia, non a chi in piena spontaneità riferisce le proprie impressioni) quindi la dittatura del luogocomunismo magari la risparmiamo a noi e a tutti. Olè
Dunque visto che siamo rimasti indietro con le comunicazioni, facciamo un dispetto agli uffici stampa e raccontiamo i anteprima qualche cosa che servirà per orientarsi in tutta la sequenza di anticipazioni che aiuteranno meglio a comprendere che il nuovo percorso ,ha una logica, una direzione. L'album è finalmente terminato, e solo da qualche ora ce lo siamo goduti interamente dall'inizio alla fine. Siamo pienamente soddisfatti di avere realizzato un cd del 2011, che risente di degli stimoli di quello che succede nel 2011 e non 10/15 anni fa. Ora capiamo quanto sia difficile in questo momento in Italia avere accesso a tutto ciò che di più stimolante a livello sotterraneo succede nel mondo, ma i su questo non transigiamo. Siamo figli del tempo nel quale viviamo e sinceramente non ci importa che un brano come "Eden" compreso alla perfezione da quanti (musicisti giornalisti appassionati di suoni alternativi come di canzoni), lasci perplesso chi reclama brani per sfanculare berlusconi e sudare uccidendo felicemente a gomitate il proprio vicino di transenna. Ci saranno, nell'album canzoni cantate a denti stretti che in uno sola frase condensano tutta la rabbia e l'amarezza per il nostro tempo (laddove altri diluiscono la comoda minestra per la durata di un disco), così come ci sono concentrati di adrenalina che non faranno rimpiangere i "colpi di pistola" sparati insieme in questi anni.
Ci sono però anche episodi nei quali si tira il fiato e si sorride. (incluso un featuring impossibile)
C'è un senso , una sorta di concept a legare i brani, e ci è sembrata una buona idea in un momento nel quale il senso di album pare smarrirsi: nell'era delle canzoni per il virual jouke box globale.
C'è la sperimentazione, quella vera che nemmeno nei territori più inesplorati della dub step è ancora stata tentata. Così come c'è la leggerezza malinconica di un brano come "Istrice".
Parla di una storia d'amore, si? Forse, magari, una di quelle vissute decine di volte. Magari parla anche del carattere di noi torinesi quando prediligiamo le sfide tortuose alla linearità della manifestazione dei sentimenti, quelle robe che ti rendono vulnerabile.
Se lo fa con parole semplici, è forse perché le parole cariche in un brano così non reggono, suonano incollate. Piace? non piace? Chi lo sa? Mica uno deve sempre fare calcoli. Non saremo mai schiavi della ripetizione, nemmeno di un ruolo. Non tollereremmo una eutanasia artistica di questo tipo. Non siamo più nel 99. Non ripeteremo mai lo stesso album per due volte di fila.
E' stata scritta per Sanremo? No. Per niente. Anzi è stata fatta ascoltare a Morandi dai discografici quando già avevamo detto di no, forse perché insistesse di persona, come da grande appassionato del suo ruolo ha fatto . Magari ci torneremo a Sanremo, magari in un'Italia diversa e certamente con un brano differente da questo, che privato delle sue sfumature (come la televisione live and direct sempre fa) potrebbe essere equivocato.
Possiamo dirvi che il fruscio che ci gira sopra è il rumore del fiume registrato, perché alla cassa e al basso profondo mancava un tratto visionario. Simian Mibile Disco, Caribou, james Blake? Magari Subsonica e basta,
Sfumature dicevamo: il diavolo è nei dettagli. E i dettagli si comporranno in un album che sarete liberi di giudicare, e noi con lui, attraverso una nutrita serie di anticipazioni, quindi nemmeno a scatola chiusa.
Vi chiediamo solo attraverso questo messaggio (laptop in una mano e forchetta nell'altra, che in questi giorni non c'è il tempo per respirare) di prendere in considerazione il fatto che potremmo volervi portare altrove, fuori dagli schematismi: radio di qua sanremo di là dieci anni fa parapà..e che forse vale la pena rilassarsi e provare a vedere se esistono coordinate non immediatamente identificabili
Di musicisti che ripetono se stessi alla nausea, è piena la penisola.
Burp! (per le correzioni sintattico/grammaticali ripassate più tardi)









SUBSONICA 25/01/11 23:18

istrice a trucco

ok ne sapevamo quanto voi. a quanto pare qualcuno ha scasinato con tempistiche e cd allungati impropriamente. Ecco perché nessun comunicato, nessun preavviso nessuna altra roba.
Domani rientriamo e comunichiamo tutto per bene.
ps mai che si possa stare in pace un secondo


Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it