logo Subsonica
Risultati per '1-2007'
vicio 23/01/07 18:54

Luca Pastore su LA7

Signore e signori, buongiorno a tutti voi.

Vi comunico che tutta la prossima settimana (dal 29/1/07 al 2/2/07), il programma televisivo
“LA 25a ORA” -in onda su LA7 dall’1 alle 2 di notte- sarà dedicato al "nostro" regista Luca Pastore.

In questa occasione nei giorni 1 e 2 febbraio passeranno i videoclip dei Subsonica e un estratto del DVD Be Human.

Nello specifico, il Giovedì (1/2/07) sarà dedicato ai videoclip, mentre il Venerdì (2/2/07) vedrà in onda un estratto dal DVD Be Human: cronache Terrestri_Tour 2005


Buona visione!


vicio 22/01/07 14:45

Ancora una propaggin ..

Ancora una propaggine di interviste radiofoniche:

questa sera(lunedì 22 gennaio) alle 22.00, intervista ai Subs su RADIO 105, all'interno del programma Top Of The Pops.

Ne approfitto anche per segnalarvi che questa sera faccio girare un po' di dark/new wave/post-punk sulle installazioni video di Maurizio Lorenzati presso l'OLS (il locale in Piazza Vittorio-TO- che una volta si chiamava Bokaos). Il tutto dalle 20 in avanti.
Se proprio non volete perdervi entrambi gli appuntamenti, portatevi pure la radiolina dietro: non mi offendo.


subsonica 19/01/07 13:34

per chi nn riceve

per chi non ha ricevuto il secondo dispaccio della videonewsletter contattare pure info@casasonica.it. E i problemi della vita svaniranno.


subsonica 15/01/07 21:17

questo è il manife ..

questo è il manifesto per l'appuntamento allo spazio 211. A partire dalla stessa giornata sarà, inoltre, on-line anche il sito www.gigirestagno.info con brani audio, foto, racconti e commenti. Nella prossima newsletter di Casasonica (ci si può iscrivere sul sito www.casasonica.it) verrà spedito il link per il video della mitica "I was dreaming". La hit dei Blind Alley: primo gruppo di Gigi Restagno, rimane tuttora un simbolo della Torino degli anni'80, in quanto brano più trasmesso dalle radio indipendenti dell'epoca. Girato con quattro lire da un giovanissimo Luca Pastore, rappresenta un'autentica rarità. Al punto che siamo dovuti andare letteralmente a scovare l'unica copia-master rimasta in circolazione per riversarla da un formato video oramai praticamente in disuso.


max 12/01/07 00:12

intervista su xl...

...e la vita che cambia.
Qualche precisazione. I titolisti sono sempre abituati a fare macelleria di tutto ciò che assomiglia ad un pensiero anche solo minimamente articolato. A volte anche i giornalisti, ma non certo Federico Fiume che ha condotto bene un'intervista sapendo di volere andare decisamente lontano dalle solite formule.
Precisazioni dicevamo. I "dischi che cambiano la vita" in realtà erano intesi come ambizione da recuperare. Non solo in quanto Subsonica, ma in quanto generazione musicale. La musica ha avuto e in qualche misura ha ancora questa grossa possibilità, ma sembra che oggi non ci si creda più di tanto. Senza voler scomodare l'enciclopedia, album di gruppi come c.c.c.p. casino royale, alma megretta, marlene kunz, csi, 99 posse, e mille altri anche meno celebrati, nei loro momenti più ispirati hanno cambiato la vita di molti. Ancora oggi, almeno a giudicare dai demo che piovono su casasonica, un Manuel Agnelli, influenza pesantemente l'immaginario di tanti ragazzi anche solo per il fatto che magari pensando agli after incominciano a suonare, credendoci. Noi abbiamo certamente fatto in diversi momenti la nostra parte. Almeno dando retta al termometro dei demo. Allo stato attuale però, mi pare che in ambito indie, come anche a più alti livelli di visibilità, ci si rapporti all' album come ad una fase fisiologica della vita di una band. In modo quasi rassegnato. si fa un disco , che poi ci saranno recensioni, concerti...e così via. Prima di pendercela con spazi che ,mancano, con radio , giornali e televisioni che parlano una lingua sconosciuta dovremmo forse chiederci se proprio dalla ambizione di segnare il proprio tempo con la musica, non converrebbe ripartire. Tutti, e sia chiaro, noi inclusi
Per quanto riguarda hard core, nell'intervista era, nell'accezione più street, inteso come grado d'intensità e scarsa propensione alle vie di mezzo. Punk è stato aggiunto in modo un po' forzato, anche se tutto sommato (a me i- pur bravi-green day fanno venire l'orchite tanto per intenderci, anche se poi il punk era un'altra cosa..c'ero...correva l'anno....) sempre di semplice attitudine e non per forza di codice sonoro, si tratta.
Vabbè, ho capito, ho fatto la figura dello spaccone senza affatto volerlo.


Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it