logo Subsonica
subsonica 29/12/02 15:37

..dunque...buonanno..e...ttantecarecooose...





....dunque la serata dovrebbe aver inizio verso le ventuno con la Bandabardot. Ve li consigliamo perchè a suonare sono tosti e anche divertenti. A seguire Carmen e in chiusura noialtri. Generalmente in queste manifestazioni la pioggia non pregiudica il concerto, poichè i palchi sono coperti, ma aumenta solo il fastidio per chi se la becca. Magari un adeguato eqipaggiamento del tipo kee-way, ombrello, galosche, antiruggine, grondaie e spioventi di vario genere potrà aiutare a trapassare nello duezerozerotre con maggiore scioltezza. Suoneremo un'ora, non ci saranno inediti, poichè non c'è stato tempo a sufficienza per prepararli, ancora non abbiamo deciso una sigla d'apertura, ma la sigla di chiusura sarà un piccolo omaggio oltre che alla festa dell'ultimo dell'anno, allo scrittore Nicolò Ammaniti e al regista Marco Risi ("l'ultimo capodanno")
-E' vero che su Tutto in edicola già da ora c'è un c.d. con due anticipazioni tratte da "CONTROLLO DEL LIVELLO DI ROMBO" il prossimissimo doppio live con tre inediti.
-rispondiamo un po' tardivamente a chi domandava il perchè della scelta dell'Hiroshima come luogo del concerto di solidarietà per i cassaintegrati: il concerto è stato pensato dalla Fiom e da Hiroshima, entrambe le realtà hanno concordato sul fatto che allestire l'evento in una grossa struttura avrebbe fatto salire enormemente i costi (affitto, riscaldamento dello spazio, palco, impianto e sicurezza)e pregiudicato l'esito raccolta delle sottoscrizioni. La raccolta è andata benissimo, come toccante a detta dei sindacalisti presenti è stata l'attenzione da parte dei più giovani per le cose dette sul palco. Solitamente in manifestazioni del genere si concentrano gli interessi esclusivamente sulla parte musicale e ci si distrae parecchio durante gli interventi verbali. Così non è stato ed insieme alla raccolta di soldi, al significato simbolico della città musicale e giovanile che solidarizza con i potenziali "esclusi", la grande attenzione e l'intensità con la quale il problema è stato avvertito e condiviso ha rappresentato un grande e confortante segnale.
note di cronaca: il nostro cantante durante l'intera giornata è stato colto da febbre, nausea e affini influenzali. Solo l'intervento nei camerini di una guardia medica con tanto di siringone ha salvato il concerto e ha evitato alle prime file il rischio di conati in diretta.


COMMENTI

Nessun commento disponibile
Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it