logo Subsonica
SUBSONICA 08/12/05

Concerto a Ponderano

Concerto a Ponderano

piazza Vittorio h16

A pochi giorni dallo sgombero di Venaus, mentre stiamo partendo, arrivano diversi sms di amici che parlano di lacrimogeni e tensioni durante e il tentativo di riconquista del presidio Valsusino. Il manganello è arrivato un paio di notti fa con la stessa cieca e arrogante violenza messa già in campo a Genova. Sono stati picchiati anziani, donne, persone assolutamente pacifiche. Sfortunatamente per chi ha pensato bene di impartire l'ordine erano presenti in loco anche fotografi e giornalisti. Menati pure loro (braccia fratturate a fotografi che stavano scattando e manganellate e calci ai cronisti).
Senza quelle testimonianze nessuno avrebbe probabilmente mai saputo e tutto sarebbe stato liquidato dai telegiornali come un tafferuglio tra agenti delle forze dell'ordine e estremisti facinorosi -d'altronde il ministro ha anche provato a negare la carica.
Così fortunatamente non è stato e lo sdegno, unito alla radicata cultura antifascista di questi luoghi ha provocato una reazione forte della quale fa parte anche il corteo di oggi, quello che prima di sera costringerà i carabinieri a togliersi di mezzo.
I giornali parleranno anche di un'autorizzazione "mirate alle gambe" arrivata da Roma.

Questa sera durante "Sole silenzioso" ricorderemo che sul progresso tracciato sulla pelle delle persone ognuno può pensarla come crede, e può discuterne come crede. Ma è assolutamente necessario cacciare fuori, al più presto, la marmaglia fascista dalla guida del paese. Per il bene di tutti.

Arriviamo al Babilonia di Ponderano verso le 18 e abbracciamo Aldo, con il quale è sempre divertente ripercorre aneddoti e curiosità da back-stage. Ad esempio come non ricordare la nostra ultima data qui (amorematico tour), con un Ninja febbricitante a 40- flebo nel braccio al pronto soccorso, poco prima di salire sul palco. Il locale era stracolmo di gente urlante e Mirco Veronesi guardando impaziente il flacone chiedeva al dottore": -"quanto ci vuole ancora qui" -"ehhh..per tutta la flebo almeno 20 minuti" -"faccia una cosa si volti un attimo" e opplà in cinque minuti allentando un po' il rubinettino si caricava in macchina l'esile ed eroico batterista per trascinarlo sul palco. Un combattente della groova è disposto a questo ed altro.

Questo sarà uno degli ultimi concerti qui a Ponderano.

Il Babilonia chiuderà i battenti, per riaprire, forse, si spera, altrove. Diamo uno sguardo alle scritte che tappezzano il camerino, sedimentazione deliranti di anni e anni di musica, insulti, graffiti erotici, scritte comiche, sconcezze devastanti, italiano, inglese, botta e risposta tra band che non esistono più. Storia. Aldo sostiene che si dovrebbe asportare il tutto ed esporlo in qualche luogo. Osseviamo un "Samuel re dei congiuntivi!" spennarellato con tutta probabilità dai Mambassa e pensiamo che forse anche no.

Si cena in una vicina trattoria, probabilmente una bocciofila nelle stagioni più clementi, e ci si dirige verso il locale. E' bella la sensazione tutta invernale dello spostarsi imbottiti negli abiti pesanti, nebbia dal naso, ghiaccio e neve a bordo strada, il sapore del freddo misto odore di parcheggio in gola. E' un condensato di memorie legate ai primi concerti ma anche un controcampo in esterni perfetto per il calore dei luoghi della musica. Il calore questa sera sarà molto più che semplice metafora. Sarà liquido che cola dalle ciglia, dal soffitto, dai vestiti. Sarà carenza di ossigeno.

Il concerto gira bene ora, si arricchisce di sfumature senza perdere di potenza.
Smarrisce forse un po' di sorriso a causa della fatica legata alla mancanza di aria.
Il locale è pieno che di più non si può proprio. E l'aria manca un po' a tutti infatti il pubblico segue, canta e partecipa ma senza lanciarsi in piroette. Samuel saluta qualche parole di "l'odore", l'intensità è al massimo con "fluido-the activator", meno fatica rock e più oscillazione dance, perfetto per il clima. Le braccia si levano a tempo sulla cassa e arriviamo dritti alla fine che, non ancora spento l'ultimo delay si è già passati al d.j. set.
Parte Max con la struggente "Labbra blu" dei Diaframma nella versione reinterpretata da Cristina Donà. Una piccola soffusa meraviglia che serve a tutti per tirare fiato. Poi a torso nudo con cambio maglietta in consolle via verso il resto della nottata. Samuel Boosta Ninja. Fino alla fine, anzi un attimo prima che ci mancano ancora due concerti e domani si gira una parte di d.v.d.

Rientrando in albergo mentre ci raccontiamo come sarebbe bello trovare un bar per un panino aperto, ma alle cinque a Biella figurarsi un po'....vediamo un'insegna accesa...un forno!! E giù di pizzette, croissant e altre schifezze che la misericordia della groova ha pensato bene di donarci sul nostro cammino.


COMMENTI

Nessun commento disponibile
Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it