logo Subsonica
SUBSONICA 28/09/01

Procediamo senza sos ..

Procediamo senza sosta dividendo nei diversi ambienti dello studio vari splittaggi del lavoro. Samuel è pressoché internato in uno stanzino a fare esperimenti sulle linee vocali in compagnia di un Logic e quei tre o quattro(cento) microfoni di differente forma colore e forse anche contenuto. Riesce anche a derubare il reparto video di Ferruccio sottraendo di nascosto uno microfono usato abitualmente come interfono (appena un gradino evolutivo superiore al citofono) seminando panico e disorientamento tra i tecnici. Ci siamo affiatati piuttosto bene con Marco Capaccioni che cura in modo specifico la parte tecnica di ripresa microfonica, sgravando Max che resta così molto più libero di concentrarsi sul lato più artistico-visionario delle sonorità e delle esecuzioni. Gianni che è il fonico residente smanetta su patch, collegamenti e microfoni trovando il tempo per far rotolare perle di saggezza (è un ballerino incredibile) sulle ritmiche e sui bpm. Trova anche il tempo di farci sbellicare con le sue proverbiali freddure che a volte causano sospensioni di interi quarti d'ora passati a rotolarsi dalle risate e ad asciugarsi le lacrime. E' importante avere creato un'atmosfera coesa ed impermeabile nel momento in cui c'è ancora chi ha voglia di venire a ricordarci di quanto avendo venduto bla bla bla è avendo avuto riconoscimenti bla bla è una tappa importante e forse i brani sono troppo difficili ed intimisti.

Oggi Ninja ha ricevuto uno scatolone pieno di percussioni (dalla Notak vicino a Milano fornite da Sergio il titolare personalmente di persona grazie atttè!) E subito si è scatenata la torcida. Mega session Najabinghi di ispirazione afro-caraibica con forti contaminazioni da tutti i giardinetti di zona dove la percussione nella nostra adolescenza l'ha sempre fatta da padrona. Si va avanti così fino ad esaurimento e poi prevale il senso del dovere oltre ad un principio di infiammazione al nervo acustico (avete presente che casino fanno le timbales percosse violentemente da chi non è proprio capace?) e ci rimettiamo al lavoro rifinendo i brani rimasti in sospeso. Ogni tanto Max si mette una mano sulla fronte pronunciando la seguente "miiinchia ci mancano ancora trre testi" Siccome va avanti così da un bel po' di giorni è del tutto probabile che si rivolga agli gnomi dello studio nella segreta speranza di trovarseli fatti e finiti il mattino successivo. 


COMMENTI

Nessun commento disponibile
Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it