logo Subsonica
SUBSONICA 26/01/11 22:10

rutto libero

Un po' di robe: innanzitutto ciao. E poi scusa, ma siamo stati presi in contropiede da un brano partito in radio prima di poterlo raccontare e comunicare. Ma "è andata così". E più in giù ci mettiamo una pezza.
Partiamo dal tema del giorno: rutto libero, ovvero come ribadire che questo è un libero spazio all'interno del quale liberamente ci si confronta, si saturano i toni si scagliano anatemi in libertà. C'è insomma come sempre uno spirito, una curiosità e una tolleranza che vi invitiamo a confrontare con quella di qualsivoglia artista. Forse ci stiamo ripetendo, ma ogni tanto un ribadino ci sta tutto.
Quindi per coloro che invece passano di qua per sfogare proprie delusioni di carattere artistico, umano, relazionale, come se stessero passando di fronte al bersaglio delle freccette da pub, solo per scaraventare frasi offensive ad effetto -giusto per vedere che effetto fa e passare un po' il tempo ribattendo col rosario dei luoghi comuni su quanto il sito pulluli di decerebrate menti levigate e supine disposte ad accettare ogni supplizio e ogni rantolo commerciale e bla e bla- ecco, non è detto che a questo giro non scatti una bella bannata a beneficio di tutti. Soprattutto se i soggetti dimostrano di non capire un cazzo di musica . Perché purtroppo in troppi casi così è. (con ciò ci riferiamo unicamente agli pseudo musicofili che fanno pesare una presunta conoscenza della materia, non a chi in piena spontaneità riferisce le proprie impressioni) quindi la dittatura del luogocomunismo magari la risparmiamo a noi e a tutti. Olè
Dunque visto che siamo rimasti indietro con le comunicazioni, facciamo un dispetto agli uffici stampa e raccontiamo i anteprima qualche cosa che servirà per orientarsi in tutta la sequenza di anticipazioni che aiuteranno meglio a comprendere che il nuovo percorso ,ha una logica, una direzione. L'album è finalmente terminato, e solo da qualche ora ce lo siamo goduti interamente dall'inizio alla fine. Siamo pienamente soddisfatti di avere realizzato un cd del 2011, che risente di degli stimoli di quello che succede nel 2011 e non 10/15 anni fa. Ora capiamo quanto sia difficile in questo momento in Italia avere accesso a tutto ciò che di più stimolante a livello sotterraneo succede nel mondo, ma i su questo non transigiamo. Siamo figli del tempo nel quale viviamo e sinceramente non ci importa che un brano come "Eden" compreso alla perfezione da quanti (musicisti giornalisti appassionati di suoni alternativi come di canzoni), lasci perplesso chi reclama brani per sfanculare berlusconi e sudare uccidendo felicemente a gomitate il proprio vicino di transenna. Ci saranno, nell'album canzoni cantate a denti stretti che in uno sola frase condensano tutta la rabbia e l'amarezza per il nostro tempo (laddove altri diluiscono la comoda minestra per la durata di un disco), così come ci sono concentrati di adrenalina che non faranno rimpiangere i "colpi di pistola" sparati insieme in questi anni.
Ci sono però anche episodi nei quali si tira il fiato e si sorride. (incluso un featuring impossibile)
C'è un senso , una sorta di concept a legare i brani, e ci è sembrata una buona idea in un momento nel quale il senso di album pare smarrirsi: nell'era delle canzoni per il virual jouke box globale.
C'è la sperimentazione, quella vera che nemmeno nei territori più inesplorati della dub step è ancora stata tentata. Così come c'è la leggerezza malinconica di un brano come "Istrice".
Parla di una storia d'amore, si? Forse, magari, una di quelle vissute decine di volte. Magari parla anche del carattere di noi torinesi quando prediligiamo le sfide tortuose alla linearità della manifestazione dei sentimenti, quelle robe che ti rendono vulnerabile.
Se lo fa con parole semplici, è forse perché le parole cariche in un brano così non reggono, suonano incollate. Piace? non piace? Chi lo sa? Mica uno deve sempre fare calcoli. Non saremo mai schiavi della ripetizione, nemmeno di un ruolo. Non tollereremmo una eutanasia artistica di questo tipo. Non siamo più nel 99. Non ripeteremo mai lo stesso album per due volte di fila.
E' stata scritta per Sanremo? No. Per niente. Anzi è stata fatta ascoltare a Morandi dai discografici quando già avevamo detto di no, forse perché insistesse di persona, come da grande appassionato del suo ruolo ha fatto . Magari ci torneremo a Sanremo, magari in un'Italia diversa e certamente con un brano differente da questo, che privato delle sue sfumature (come la televisione live and direct sempre fa) potrebbe essere equivocato.
Possiamo dirvi che il fruscio che ci gira sopra è il rumore del fiume registrato, perché alla cassa e al basso profondo mancava un tratto visionario. Simian Mibile Disco, Caribou, james Blake? Magari Subsonica e basta,
Sfumature dicevamo: il diavolo è nei dettagli. E i dettagli si comporranno in un album che sarete liberi di giudicare, e noi con lui, attraverso una nutrita serie di anticipazioni, quindi nemmeno a scatola chiusa.
Vi chiediamo solo attraverso questo messaggio (laptop in una mano e forchetta nell'altra, che in questi giorni non c'è il tempo per respirare) di prendere in considerazione il fatto che potremmo volervi portare altrove, fuori dagli schematismi: radio di qua sanremo di là dieci anni fa parapà..e che forse vale la pena rilassarsi e provare a vedere se esistono coordinate non immediatamente identificabili
Di musicisti che ripetono se stessi alla nausea, è piena la penisola.
Burp! (per le correzioni sintattico/grammaticali ripassate più tardi)









COMMENTI

Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

Non_Identificato 31/08/12 08:01

Dalton disse:Caro Yluss no momento o Brasil ne3o pensa nem podere1 proatejr poder mesmo que Rafales venham a operar a bordo do Se3o Paulo. Projetar poder e9algo mais complexo do que parece.Um porta-avioes e9 temido por estar abarrotado de armas e combustivel, tanto que suas aeronaves possam conduzir operae7oes aereas continuas por varios dias. Ainda estamos longe de conseguir isso.Este porta-avioes necessita uma ala aerea razoavel, ate9 porque ne3o tere1 todas as suas aeronaves sempre disponiveis, pois algumas estare3o passando por manutene7ao e outras estare3o cumprindo demais fune7oes, como patrulha aerea de combate.Mal teremos 20 aeronaves disponiveis, contando com os A4 modernizados e possiveis Rafales, e mesmo quando e se tivermos,estas aeronaves completamente integradas,talvez reste ao Sao Paulo uns 10 anos de vida apenas.O porta-avioes para aventurar-se muito distante de sua base, necessita ser muito bem escoltado. Mesmo os porta-avioes americanoscontam com protee7e3o extra, ate9 mesmo submarinos que encontram-se je1 no mar, ou avioes baseados em bases ultramarinas.Precisamos de escoltas em quantidade e com qualidade! O porta-avioes e seus escoltas necessitam tambe9m ser acompanhados por navios de abastecimento.Nossa capacidade no momento de atender uma fore7a tarefa longe de nossas costas e9 muito limitada.Mas se continuarmos aperfeie7oando o treinamento, a doutrina,e claro, houver investimento, ente3o o proximo porta-avioes brasileiro, podere1 beneficiar-se de tudo isso, e, mesmo que ainda ne3o possa proatejr poder, podere1 vir a ser uma arma de respeito.abrae7os


Non_Identificato 03/06/11 20:58

c'è da dire che l'ultimo album dei subsonica fa veramente schifo non sa proprio di nulla soprattutto se paragonato a tutti gli album precedenti a mio avviso fantastici


Non_Identificato 26/05/11 11:03

Ciao a tutti, ho apprezzato diversi pezzi passati in radio e tv negli scorsi anni, così ho provato ad acquistare, approfittando di un prezzo speciale, l'ultimo album, ma, almeno ad un primo ascolto, mi piace solo Istrice, il pezzo probabilmente più commerciale e che, mi pare, ogni tanto passino in radio. Gli altri pezzi mi sembrano troppo "duri", per il mio proposito di accompagnamento durante gli spostamenti in auto. Può darsi che si prestino più ad un ascolto dal vivo, durante un concerto. Mi incuriosisce il fatto che i puristi / appassionati di vecchia data, o presunti tali, si siano invece quasi "scandalizzati" di un pezzo come Istrice. A me del testo non interessa niente, purchè sia musicalmente piacevole. Se tutti i brani del CD fossero al livello di Istrice, sarebbe un prodotto di classe internazionale... Forse lo giro ad un conoscente molto appassionato :-) Saluti e ho voluto riportare solo un mio parere personalissimo di non "appassionato" dei Subsonica (nel senso che conosco solo le hit).


Non_Identificato 15/04/11 01:49

Una canzone fatta con lo scopo di piacere agli altri è puro commercio... Una canzone fatta per esprimere certi concetti personali di un gruppo musicale è arte... Poi, può piacere o non piacere, ma chi se ne frega... Raggiunta una certa maturità e una certa sicurezza finanziaria, un gruppo si può finalmente esprimere a proprio piacere, anche contro certe etichettature che la società gli ha per lungo tempo affibbiato...


Non_Identificato 09/02/11 10:51

vorrei dire qulcosa che non sia "da fan",come dicono i miei amici giornalisti,ma il fatto è che io SONO fan,e permettetemi,i fan possono essere molto piu feroci di quelli...piuuu...oggettivi?.ecco,io sono molto legata ai subsonica e sono contenta di tutto quello che hanno dato,in tutte le sfumature.meglio,peggio,piu forte,piu delicato piu ruvido,poiu sbiadito...ogni cosa.sono abituata ad ascoltsare gli album,non i pezzi e rispetto moltissimo chi ha il coraggio di far vedere tutto cio di cui è fatto.nel bene e nel male.perfezione e imperfezione.nell'arte é permesso,anzi per l'amore dell'onesta artistica e d'obbligo.per me sieteee....SUBSONICA

viki


Non_Identificato 07/02/11 13:47

rettifico: istrice promosso, non arriva subito ma gira un gran bene seppure il buon samuel abbia perso qualcosa ultimamente.

federico v.


Non_Identificato 06/02/11 12:37

purtroppo non mi piacciono ne eden, ne istrice, ne quasi tutto ciò che hanno prodotto da controllo in poi (ci sono delle eccezioni in quasi ogni album ovviamente), e mi dispiace molto perchè seguo max da quando scriveva i migliori album degli africa unite ed è un artista che stimo a priori, anche umananamente, da cui mi sono sempre aspettato dischi bellissimi e "avanti". Samuel forse aveva senso solo in un contesto tardo-adolescenziale stessa cosa per davide (fuori tempo massimo). Forse sono solo finite le idee, o un certo tipo di istintività creatrice, credo succeda in ambito musicale, forse è ora di fare altro, non ci sarebbe niente di male.


federico v.


Non_Identificato 01/02/11 16:27

..niente da dire


Non_Identificato 31/01/11 18:56

Istrice passerà alla storia, forse proprio perchè non è complicatissima in pieno stile subsonica forse proprio perchè è una svolta semplice... ma comunque geniale.... massimo rispetto Andrea


tenshi 31/01/11 09:19

questa è una band che vale la pena di seguire. quanto vi adoriamo e quanto vi aspettiamo!!!


Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it