logo Subsonica
mescal 20/09/03 13:10

il mucchio

dal sito mescal
  [ IP: 151.35.114.170 - 19/9/2003 21:27:38 ]
x max
Max Stefani, il direttore del Mucchio ha ritenuto opportuno spacciare per messaggio ricevuto in redazione una risposta di Max Casacci rivolta a un lettore della bacheca di www.subsonica.it. Il lettore chiedeva a qualcuno del gruppo di prendere una posizione nei confronti dell”offesa” pubblicata da Stefani stesso nella rubrica “Open” del suddetto settimanale che si rivolgeva ad alcuni artisti (tra i quali i Subsonica) con un piglio discutibile nel contenuto, ma soprattutto nella forma : “venduti per un piatto di lenticchie a Berlusconi!”. Max Casacci per rispetto nei confronti dei frequentatori del proprio sito rispondeva con una dettagliata replica chiedendo ad eventuali terzi (riviste-siti-etc...) di non utilizzare il messaggio in altri contesti per evitare di attizzare un teatrino avvilente per tutti. Prontamente Max Stefani ignorando le indicazioni utilizzava arbitrariamente (per la terza volta in pochi mesi in barba a qualsiasi forma, anche la più misera, di rispetto e serietà professionali) il messaggio, ben felice di poter utilizzare nuovo materiale per rimpolpare la discutibile rubrica. Senza smentire il suo impeccabile stile da galantuomo rispondeva al gruppo questa volta con uno sbrigativo “gruppetto di sub-normali” estrapolando una frase che decontestualizzata dal resto risultava arrogante. Mezzucci poco degni per chiunque. Il gruppo replica nuovamente; le repliche vengono riportate sul forum della rivista e a quel punto i Subsonica vengono da un giornalista, Federico Guglielmi, tacciati di ingratitudine nei confronti del Mucchio. Tutto questo suona veramente grottesco poiché le precedenti aspre critiche venivano rivolte agli artisti Manuel Agnelli , Cristina Donà e Subsonica, (chissà come mai non i Verdena presenti con ben tre tracce nella compilation messa alla berlina!) perché si rifiutavano di rispondere alle offese mosse da Max Stefani. Quindi qualcuno dovrebbe mettersi d’accordo….quando Max Stefani ( e non il resto della redazione, che compreso Federico Guglielmi conserva il massimo della nostra stima e simpatia) scaglia i suoi anatemi massimalisti offensivi e violenti, è previsto che un artista debba rispondere o no? Perché qui i nostri artisti vengono insultati in entrambi i casi. Ci viene da pensare che forse dovrebbero limitarsi a repliche timide ed impacciate e non ad argomentazioni dettagliate e molto ben esposte che provocano lo sconcerto degli stessi lettori che in queste ore stanno dibattendo molto criticamente sul sito della stessa rivista. Auspichiamo per il futuro in una condotta da parte del direttore che senza rinunciare all’irriverenza e al sano gusto per la provocazione, sempre apprezzata sia da noi che dai nostri artisti, si imponga un maggiore rispetto nei termini e meno incoerenza nelle argomentazioni.
Manuela Longhi


COMMENTI

Nessun commento disponibile
Per pubblicare un commento effettua LOGIN o REGISTRATI

Privacy - Copyright ©2016 Subsonica.it